coppia abbracciata

Sogni il diploma?

Scopri come prenderlo in un solo anno!

MAGGIORI INFO MAGGIORI INFO

Come diventare perito chimico a 30 anni

Diventare un perito chimico a trent’anni non è qualcosa che molte persone si sognerebbero di fare, ma con le giuste competenze e un po’ di buona volontà si tratta decisamente di un obiettivo raggiungibile!

Prima di vedere qual è la formazione necessaria per raggiungere questo risultato, andiamo a vedere velocemente quali sono le mansioni di un perito chimico e dove può esercitare la sua professione!

Di che cosa si occupa un perito chimico?

Il principale lavoro di un perito chimico consiste nell’analisi di sostanze, all’interno di un laboratorio. Attraverso diversi test, questa figura professionale esamina campioni di materiale in base alle indicazioni fornite dall’organo che gli commissiona il lavoro, stilando al termine della sperimentazione documenti e report dettagliati su quanto osservato.

Nel lavoro di una figura professionale di questo tipo, vengono utilizzate sia tecniche di analisi chimica strumentale che di chimica analitica, in base alle occorrenze. Nel caso in cui il perito chimico si debba occupare di fare analisi di sostanze e materiali per procedure di controllo qualità, dovrà basarsi di volta in volta sugli standard stabiliti per i campioni a sua disposizione.

Un’altra delle principali mansioni di un perito chimico, inoltre, è quella dedicata alla manutenzione ordinaria della strumentazione normalmente usata all’interno dei laboratori. Mantenere in completa sicurezza gli ambienti di lavoro e occuparsi dell’acquisto e dell’immagazzinamento di materiali e reagenti sono compiti fondamentali per la buona riuscita delle procedure.

Come diventare perito chimico a 30 anni?

Per ottenere dei risultati di questo tipo, le alternative sono diverse.

Trattandosi di una figura professionale che si affianca a differenti tipi di lavoro, non è difficile trovare occupazione con le competenze richieste per fare il perito. Il primissimo aspetto a cui prestare attenzione è la base formativa con la quale ci si approccia a questo mestiere: è fortemente prediletta una formazione tecnico-professionale, ottenibile con un diploma da perito chimico (la migliore opzione) o da chimico industriale. Per chi volesse andare oltre questo tipo di qualifica, sono anche a disposizione corsi più specializzanti e lauree dedicate in Chimica, Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, Ingegneria Chimica e tante altre.

Nonostante si tratti di una professione che richiede numerose competenze specifiche, è importante ricordarsi una cosa: non è mai troppo tardi per imparare! Nel caso non aveste scelto, a tempo debito, corsi dedicati alla formazione tecnico-professionale, è sempre possibile tornare a studiare presso scuole specializzate, come quelle per il recupero degli anni scolastici a Firenze. Il mondo della formazione dedicata a coloro che sono “rimasti indietro” è davvero florido, perciò non esitate a scoprire le vostre possibilità in questo senso!

Tornando invece all’argomento principale dell’articolo, ovvero come diventare un perito chimico a 30 anni, le principali alternative a disposizione sono quelle che abbiamo menzionato poco fa. Un’ulteriore competenza, molto gradita, è la conoscenza di software informatici specifici del mestiere, utili per raccogliere i dati, documentare le analisi e produrre report sui risultati.

Quali sono le prospettive di un perito chimico?

Ora che abbiamo visto del perito chimico modalità di lavoro e di ingresso nella disciplina, guardiamo velocemente la formazione on-site!

Normalmente un perito chimico si inserisce all’interno di un laboratorio iniziando con un periodo di apprendistato, all’interno del quale potrà affiancare personale con più esperienza e imparare sul campo tutti gli insegnamenti che lo aiuteranno nella sua crescita professionale. Nello specifico, l’apprendista imparerà ad utilizzare gli strumenti e le attrezzature chimiche, memorizzando le procedure e tutti i passaggi per dare credibilità al proprio lavoro.

Con questo articolo speriamo davvero di aver fornito una buona panoramica sulla professione del perito chimico, nella speranza che queste indicazioni possano, un giorno, aiutare qualcuno a realizzare il proprio sogno!